Funzionamento

Bruciandoli a una temperatura di oltre 1000° C, il termovalorizzatore di Torino recupera l’energia contenuta nei rifiuti, producendo elettricità ed energia termica (acqua calda) per il teleriscaldamento. L’impianto può operare in assetto esclusivamente elettrico oppure in assetto cogenerativo, cioè fornendo sia energia elettrica, che energia termica per il teleriscaldamento: nel primo caso il termovalorizzatore produce l’energia corrispondente al fabbisogno annuale di circa 175.000 famiglie di tre persone; nel secondo caso genera, ogni anno, l’energia termica in grado di scaldare 17.000 abitazioni da 100mq e l’elettricità consumata da circa 160.000 famiglie. Il recupero dell’energia contenuta nei rifiuti consente di risparmiare circa 70.000 tonnellate l’anno di combustibile fossile, contribuendo a tutelare l’ambiente e a generare un’economia sostenibile.

 

Il processo di termovalorizzazione

SCARICA IL PDF

TRM_processoTermo


Pillole video